Milanostraniera

Milano e l'immigrazione, una vita da stranieri.

I rom via dalla Francia. E l’Italia?

Le recenti vicende francesi, relative all’espulsione di massa di rom ed allo smantellamento dei campi irregolari, che hanno suscitato una fortissima critica da parte della vicepresidente della Commissione europea Viviane Reding, riguardano in realtà anche altri paesi, l’Italia in primis.
A differenza dei francesi, che pure hanno usato questo argomento in modo strumentale, noi a Milano i rom li sgomberiamo e li lasciamo sotto i ponti. Non abbiamo il coraggio di fare il passo successivo. Cancelliamo gli insediamenti “abusivi”, dividiamo le famiglie (il comune di Milano concede ospitalità solo a donne e bambini) e lasciamo che tutto resti come prima. Senza proporre una soluzione, ma sperando che il trattamento “alla De Corato” sia sufficiente per fargli cambiare aria, ed andare via da Milano.
Con tutte le aree dismesse che ci sono a Milano, non sarebbe possibile attrezzare un terreno per consentire altri insediamenti controllati? Non servirebbero palazzi, ma allacciamenti idrici elettrici e fognari. Le autorità avrebbero il controllo dell’insediamento, sarebbero censiti gli abitanti, si potrebbero avviare percorsi scolastici stabili per i bambini e di avviamento al lavoro per gli adulti.
Sarebbe un esperimento difficile, ma che darebbe un forte messaggio di accoglienza e di integrazione. Andrebbero valutati i risultati nel tempo, ma credo che si creerebbe un precedente importante.

In attesa di proposte, e prima che avvengano altri sgomberi all’alba, non sarebbe il caso che la Commissione europea si occupasse anche di noi?

qui di seguito alcuni articoli sul tema
Berlusconi con Sarkozy
Immigrati, Parigi contro Bruxelles
polemiche Francia Europa
procedura di infrazione contro la Francia

Annunci

Written by renato plati

15 settembre 2010 a 10:37 am

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: